mercoledì 20 giugno 2018

Contratto Transitorio di Locazione - Informazioni di Base


Che cos'è ?
Il contratto Transitorio è un contratto utilizzato per esigenze di natura temporanea e non per esigenza turistica , ad esempio , la necessità di spostarsi per un periodo che va da 1 mese sino a 18 mesi .
In linea di massima i contratti transitori sono oggetto di libera pattuizione tra le parti , ovvero il canone viene liberamente concordato .


E' possibile applicare la cedolare secca ad un contratto transitorio?
Dal 2017 è però possibile inserire l’opzione di cedolare secca al 10% a determinate condizioni: (Decreto Legislativo 23/2011 cedolare secca).
Fino a poco tempo fa si poteva applicare questa opzione solo su contratti 4+4 (canone libero con cedolare al 21%) o su contratti 3+2 (canone concordato con cedolare al 10%. n.b.: non su tutte le tipologie di immobile)

Chi può usufruire della cedolare secca ?
 Il locatore deve essere una persona fisica.
Se sei proprietario del tuo immobile, puoi accedere a questo regime agevolato. Se invece ad esempio il tuo immobile è intestato ad una tua società, questa agevolazione non è disponibile.
Il tuo immobile deve trovarsi in un capoluogo di provincia, o in un’area metropolitana.
E’ necessario possedere un appartamento in grandi centri, o comunque in un comune che abbia almeno diecimila abitanti.
Devi stipulare un contratto di locazione a canone concordato.
Il prezzo concordato non può essere oggetto di libera pattuizione ma deve essere calcolato in base alle tabelle che determinano un valore concordato nel rispetto dei prezzi determinati su accordi locali.
Inoltre non sarà possibile applicare alcun aggiornamento del canone .

Per poter usufruire del regime cedolare secca in un contratto transitorio,  devi stipulare un contratto di affitto seguendo lo schema del Decreto Interministeriale 16 gennaio 2017, allegato B. 

Si può risparmiare con la formula della cedolare secca ?
Utilizzando un contratto transitorio in cedolare secca , potrai godere di un discreto risparmio, basato anche su canone concordato che perciperai, inoltre avrai diritto ad agevolazioni su Imu e Tasi .
Quando si paga ?
Le scadenze dei versamenti, da effettuarsi mediante il classico modello F24 , sono uguali a quelle dell’Irpef , ovvero :
16 giugno di ogni anno per il saldo.
16 dicembre di ciascun anno per l’acconto .

IMPORTANTE !!!
Questo articolo da solo delle indicazioni di base, quando si decide di utilizzare o valutare questo strumento, è consigliabile richiedere una consulenza ad un esperto , in modo da poter verificare le reali opportunità e in modo da poter verificare la reale fattibilità .

Casaproject Canegrate - Servizi Immobiliari 



Calcolo valore Catastale immobile